Salute

Frutta e verdura invernale, consigli per la salute e la bellezza

Frutta e verdura invernali, la stagione fredda deve ancora arrivare ma non manca molto giungerà da un momento all’altro per cui è bene prepararsi e preparare al cambiamento l’organismo. Il nostro organismo sta entrando in uno stato di “calma” invernale ma non bisognerà rilassarsi del tutto anzi bisognerà stare ancora più attenti perchè saremo tutti più soggetti all’attacco di varie malattie. A seguire alcune regole per aiutare il nostro organismo a prepararsi seguendo una semplice dieta bilanciata con frutta e verdura che insieme sono veri e propri alleati della bellezza e della salute.

Sono tutti alimenti potenti che riescono a rafforzare il sistema immunitario rallentando anche il processo di invecchiamento che tanto preoccupa chiunque. La frutta e la verdura in inverno sono quasi considerati una benedizione perchè danno sostegno all’organismo in qualunque condizione climatica, anche in quelle più difficili. Tutta la frutta e la verdura contengono nutrienti vitali, minerali, vitamine che permettono di mantenere elevato il benessere, sono facilmente reperibili, gustosi tanto che per qualcuno sono irrinunciabili. Le arance sono considerate il superfood: colorate e saporite, la frutta per eccellenza, un vero e proprio concentrato di sostanze nutritive ricche di vitamina C, che serve per costruire il sistema di difesa dell’organismo ma anche per combattere le infezioni. Contengono inoltre gli antiossidanti, che prevengono il deterioramento delle cellule sane, gli zuccheri semplici, considerati fonte naturale di carboidrati, forniscono tanta energia istantanea nel corso delle giornate. Infine sono ipocaloriche: le arance sono povere di grassi ed hanno poche calorie 45 ogni 100 gr, di conseguenza non fanno ingrassare.

Alcuni frutti consigliati per affrontare meglio l’inverno ed il freddo

Le fragole potranno entrare a fare parte della nostra dieta alimentare a partire da dicembre, sono gli antiossidanti ideali per la pelle. Hanno un importante carico di vitamine, manganese e antiossidanti quindi rinforzano il sistema immunitario e danno ottimi risultati anche sulla pelle che diventa più luminosa. Immancabile il melograno considerato un elisir contro l’invecchiamento, ricco di vitamine, fibre, potassio e folati che riducono il rischio di malattie cardiache prevenendo la crescita delle cellule tumorali. Succoso, ricco di vitamina C, antiossidante con composti polifenolici, catechine e antociani, previene le malattie cardiache, abbassa il livello di colesterolo ed allevia lo stress. Come altri frutti dà il suo apporto per rallentare il processo di invecchiamento e stimola le cellule a riciclarsi e ricostruirsi.

E poi c’è anche il cavolo che è il Re della dieta ipocalorica sia che si tratti di broccoli, cavolfiori, cavoli cappuccio, cavoli verza, cavoletti di Bruxelles, cavolo nero, cavolfiore viola o bianco, broccolo verde, viola, rosa e arancione. Sono tutti ricchi di minerali, contengono alti livelli di potassio, fosforo e calcio oltre che vitamina C, essenziale nel processo di assorbimento del ferro, omega-3 e omega-6. Senza considerare poi l’alto contenuto di fibre, la vitamina K fondamentale per le proteine delle ossa e per l’assorbimento di calcio. Infine è un alimento povero di calorie ne contiene 25 ogni 100 grammi. Stessa cosa vale per la zucca che è considerata invece la regina con tanti effetti positivi in tutte le varietà, che si tratti di Mantovana, Berretta, Violina, Butternut, Delica, Lunga, Marina. E’ ricca di antiossidanti, che abbassano il rischio di malattie croniche, cancro e malattie cardiovascolari. Ha parecchie vitamine e folati che potenziano il sistema immunitario con tutte le sue vitamine, come la A, la C, la E. Ha proprietà diuretiche, ecco perchè è considerata un bel rimedio contro cistite, stitichezza e stress. Contrasta la ritenzione idrica e quindi è in grado di combattere gli inestetismi della cellulite. Questo scrigno di virtù ha delle ottime proprietà contro la formazione dei radicali liberi e di stress ossidativo, sa infine arginare gli effetti degli squilibri ormonali della menopausa.